lupettoAppuntamento per il
Tour Bike 2018
XV Edizione
25 Agosto 2018

Iscriviti Adesso

Posti Rimanenti: 27
Elenco degli iscritti

Notice
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando “Accetto» permetti l’uso dei cookie, cliccando “Rifiuto» nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell’informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l’uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l’uso dei cookies.

    Hai rifiutato i cookies. Questa decisione è reversibile.

Quarta Tappa

Castel di Sangro – Villavallelonga

 

Tracciato della quarta tappa del tour in mountain bike della transumanza Clicca sulla mappa per la versione interattiva

Profilo altimetrico della quarta tappa del tour in mountain bike della transumanza

Si ricorda che la descrizione che segue, relativa al tour bike del 2012, ha lo scopo di dare l’idea di come vengono organizzate le giornate, dei ritmi e delle fatiche che si incontrano. Il percorso seguito nella prossima edizione sarà certamente diverso, ma lo spirito della manifestazione sarà sempre quello.

 

Distanza:  circa 70 km
Ascesa Totale: circa 1.680m.
Discesa Totale: circa 1.500m.
Tempo totale (compreso soste): circa 8h

 

Sveglia alle 7:00, ricca colazione sportiva in hotel, sistemazione dei bagagli sui mezzi, ultimi controlli alla bici e alle 8:30 pronti per la partenza.

Lago di BarreaSi parte: la fatica accumulata nei giorni passati si fa sentire. Su strada asfaltata in salita, attraverso il pittoresco paese di Alfedena (AQ) si giunge al valico di Barrea e poi attraverso una bella sterrata si prosegue in discesa verso il centro lacustre. Impossibile resistere dal fermarsi a fare una foto al bellissimo panorama del lago con lo sfondo delle montagne del Parco Nazionale d’Abruzzo. A Barrea (AQ) ci si ferma per una pausa. Ripartiti, su una sterrata si arriva al lago e lo si costeggia per un bel tratto, per poi attraversarlo su un ponte. Il paesaggio è fantastico! Si prosegue fino a Villetta Barrea (AQ) dove viene effettuata la visita al Museo della Transumanza che ospita pannelli espositivi ed attrezzi tipici dei pastori e dove ci viene offerta una degustazione di prodotti tipici biologici.

Le montagne della CamosciaraCi attende una lunga salita su strada asfaltata che, attraverso Civitella Alfedena (AQ), ci condurrà all’ingresso della riserva naturale della Camosciara il cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, il più importante e delicato dal punto di vista naturalistico e paesaggistico e ovviamente il più bello! La fatica della salita viene immediatamente ripagata dall’affaccio sul meraviglioso anfiteatro roccioso costituito da calcari e «dolomie», le stesse rocce che costituiscono le Dolomiti … le stoppie arse del Tavoliere delle Puglie di soli 3 giorni prima sembrano distanti migliaia di km! Un bellissimo single track nel cuore della riserva tra i suoi boschi, i suoi ruscelli, la sua natura incontaminata ci conduce al piazzale della Camosciara, sulla strada asfaltata.

Pascoli della Cicerana

Chi non se la sente di affrontare la salita, accompagnato dall’organizzazione, può evitare il giro nella riserva ….. ma che è venuto a fare!!! 13 km di falsopiano su strada asfaltata ci conducono a Pescasseroli (AQ) il centro più importante del PNLAM, dove ci attende la sosta per il pranzo. Si riparte in direzione delle piste da sci di Pescasseroli. Qui agganciamo le bici alla seggiovia e ci facciamo comodamente condurre in cima al Monte Vitelle (1840 slm) … sì ma così non vale! Chi vuole, può ovviamente evitare la seggiovia e risalire le piste da sci in bici/a piedi … nel 2011 a causa della chiusura degli impianti di risalita lo abbiamo fatto! Dopo una pietraia in discesa si arriva al Valico dell’Aceretta. Entrati nel bosco, un lungo e tecnico single track in discesa in un bel bosco di faggio ci conduce ai Prati D’Angro: ampi spiazzi erbosi costellati di fiori che costituiscono il culmine della lunghissima vallata della «Vallelonga». Sosta per ricompattarsi e poi si parte per la sfilata finale per le vie di Villavallelonga accolti festosamente da tutta la popolazione … l’emozione è palpabile: la gioia per avercela fatta, si alterna alla tristezza per la fine di questa splendida avventura.

Foto di gruppo finale